Dedicare una via o un luogo pubblico di Reggio Emilia alla memoria del Milite Ignoto

La Federazione di Reggio Emilia dell’Associazione Nazionale Volontari di Guerra (ANVG), con l’intento di sensibilizzare la popolazione locale verso i valori legati alla memoria storica e al ricordo dei caduti per la Patria, ha deciso di inoltrare richiesta alle istituzioni cittadine per il conferimento della cittadinanza onoraria e l’intitolazione di una via o di un luogo pubblico al Milite Ignoto.

Per procedere con tale richiesta, l’ANVG ha scelto una data particolarmente significativa, ovvero la Giornata Nazionale della Bandiera, nel 224mo anniversario dalla nascita del Tricolore italiano.

Questa notizia è stata pubblicata sul giornale di Reggio Emilia, dove è possibile leggere l’articolo originale per chi desidera approfondire l’argomento, e dove si trovano molte altre notizie interessanti legate al contesto e all’area della provincia emiliana.

La storia e il significato della figura del Milite Ignoto

La traslazione del Milite Ignoto all’Altare della Patria è avvenuta la prima volta il 4 novembre del 1921, dopo la fine della prima guerra mondiale, durante la quale persero la vita oltre 600mila soldati italiani. La decisione di seppellire a Roma la salma di un militare di identità sconosciuta caduto sul campo di battaglia, ha permesso alla popolazione italiana di associare al Milite Ignoto tutte le persone care, i famigliari e gli amici perduti a causa della guerra.

È così che la figura del Milite Ignoto ha assunto l’identità di tutti i caduti in guerra di cui non si è potuto conoscere il nome, e rappresenta il valore del sacrificio dei combattenti impegnati sia nel primo conflitto mondiale, sia in tutte le successive guerre e battaglie dove i soldati sono caduti per la Patria.

La proposta di dedicare un luogo pubblico al Milite Ignoto

In previsione del centenario di questa importante data storica, l’ANVG ha chiesto la possibilità di conferire la cittadinanza onoraria al Milite Ignoto – Medaglia d’Oro al Valore Militare, e di intitolare uno spazio pubblico, un giardino, un parco, una strada o una piazza, con l’intento di legare la città alla memoria dei caduti per la Patria.

La Giornata Nazionale della Bandiera italiana

La Giornata Nazionale della Bandiera, o Festa del Tricolore, scelta per inoltrare la richiesta di conferimento della cittadinanza onoraria di Reggio Emilia al Milite Ignoto, si celebra nel giorno del 7 gennaio, ed è stata istituita per ricordare la nascita della bandiera italiana.

Tale giornata è stata istituita nel 1996 in occasione della celebrazione del secondo centenario del Tricolore. La nascita della bandiera italiana è avvenuta proprio a Reggio Emilia nel 1797, nel momento in cui il Tricolore è stato adottato quale bandiera ufficiale dalla Repubblica Cispadana. Quest’anno, 2021, la bandiera italiana ha celebrato i 224 anni di vita.

In origine, la bandiera tricolore della Repubblica Cispadana era a bande orizzontali, con il colore bianco al centro. Successivamente, nel 1798, dopo la fusione della Repubblica Cispadana e della Repubblica Transpadana nella Repubblica Cisalpina, la bandiera tricolore divenne a bande verticali, senza alcun emblema, stemma o simbolo.